paesaggio

Il progetto riguarda il lungomare sud della città, per quasi due chilometri e mezzo: una linea di pavimentazione nobile scandita da acqua, ombra e luce. La passeggiata è realizzata con un disegno cinetico e variabile che accompagna e esalta il movimento dei passanti, una dinamica di figure a trapezio di vari colori su un fondo uniforme bianco. Sono doghe in  travertino, di finitura alternata ruvida e liscia, con inserti in resina colorata. Lungo il percorso vi sono piazzole di sosta in legno con sedute, fontanelle e ombracoli in corrispondenza dei tratti di spiaggia libera. Gli ombracoli sono anche essi trapezi, appesi e appena mobili con il vento, la cui ombra gioca in controcanto con quelli del suolo. Un sistema originale di lampioni, dotati di aureole rifrangenti, scandisce lo spazio come un colonnato. E' anche previsto un piccolo mercato del pesce articolato in otto padiglioni, che permette con moderne condizioni di igiene di mantenere in loco l'attività attuale di vendita al dettaglio sulla spiaggia. La linea del percorso, lunghissima, scandisce il movimento delle persone con avvenimenti che si ripetono o variano, con frequenze sempre diverse: si succedono piantate di washingtonie, mentre il disegno della pavimentazione è ora compresso ora dilatato, variando la densità dei trapezi e alternandosi i colori.

1999 2003 Porto Sant’Elpidio (AP) Riqualificazione ed arredo del Lungomare Faleria. Progettazione preliminare definitiva ed esecutiva.
Committente: Comune di Porto Sant’Elpidio. Con arch.Franco Zagari (capogruppo), arch Lorenza Bartolazzi, arch.Daniele Rosettani, arch. Alessandro Villari. Realizzato. Importo delle opere euro 2.130.000.

testo
home